Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DAGRI Laboratorio di ricerca AGRISMARTLAB

competenze formative

Attività formative svolte dal Laboratorio AgriSmart

Il laboratorio AgriSmart ha maturato una esperienza pluriennale nell’ambito della ricerca e della formazione relativamente alla distribuzione di prodotti fitosanitari attraverso l’impiego di macchine irroratrici. Le prime ricerche realizzate sul controllo funzionale e la taratura delle macchine irroratrici risalgono agli anni ’80 e nel 1992 viene realizzato il primo prototipo di cantiere mobile per lo svolgimento delle suddette attività. Collabora attivamente con Enti regionali e nazionali per la realizzazione di documenti tecnici per l’applicazione di normative specifiche riguardanti gli aspetti sulle macchine agricole. Ha fatto parte dei Gruppi di Lavoro per la definizione del programma regionale sulla regolazione delle macchine irroratrici, previsto dall'art. 7 della Legge Regionale l Luglio 1999 n. 36 "Disciplina per l'impiego dei diserbanti e geodisinfestanti nei settori non agricoli e procedure per l'impiego dei diserbanti e geodisinfestanti in agricoltura" e della Legge Regionale 1 agosto 2006, n. 41.
Dal 2005 è membro del gruppo di lavoro sul Progetto ENAMA finanziato dal MIPAF (Coordinamento delle attività di controllo delle macchine per la protezione delle colture).
Dal 2014 è membro del Gruppo di Lavoro (Gruppo 2) per l'elaborazione dei documenti previsti dal PAN (Piano d'Azione Nazionale sull'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari) con riferimento alle macchine irroratrici.
Il laboratorio AgriSmart è un riferimento regionale per la formazione obbligatoria introdotta dal D.lgs 150/2012, applicazione della Direttiva Europea 2009/128/Ce.

Realizza corsi di formazione:

  • Di aggiornamento per i centri prova di controllo irroratrici indicati nel Decreto Regionale n°4089 del 24/09/2014 e accreditati successivamente (16 ore).
  • Per l’abilitazione dei tecnici per lo svolgimento del controllo funzionale delle macchine irroratrici (40 ore).
  • Rivolti ai funzionari regionali per lo sviluppo delle competenze tecnico-amministrative necessarie per uniformare l’attività di verifica dei requisiti dei Centri Prova autorizzati ai sensi del Dlgs n.150/2012 – art.12 e del PAN .

 

Certificati di abilitazione per utilizzatori, consulenti e distributori di prodotti fitosanitari

Con la pubblicazione del D.lgs 150/2012, recepimento della Direttiva europea 2009/128/Ce è scattato dal 26 novembre 2015, l’obbligatorietà della nuova abilitazione per l’acquisto e l’impiego dei prodotti fitosanitari. Questo adempimento prevede lo svolgimento di un corso di 20 ore con verifica finale, rivolto a tutti coloro che intendono acquistare ed utilizzare prodotti fitosanitari ad uso professionale. Il corso di formazione, che si compone di 6 Unità Formative incentrate su tutti gli aspetti inerenti la difesa fitosanitaria in ambito agricolo ed extra agricolo, deve essere realizzato attraverso una agenzia accreditata per questo specifico settore formativo. Sono esonerati dalla frequenza del corso di formazione gli operatori che hanno conseguito un diploma di scuola superiore o di laurea, anche triennale, in discipline relative alle scienze agrarie, forestali, biologiche, naturali, ambientali, chimiche, farmaceutiche, mediche e veterinarie. Tuttavia, sono comunque tenuti a superare l’esame di abilitazione.
Analogamente, dal 26 novembre 2015 risulta obbligatorio il certificato di abilitazione per i consulenti (tecnici che svolgono il servizio di assistenza tecniche alle aziende in materia di difesa fitosanitaria) ed i distributori (coloro che hanno una rivendita autorizzata di prodotti fitosanitari). Per assolvere agli obblighi normativi i consulenti ed i distributori devono svolgere un corso di formazione di 25 ore con verifica finale.
Attività formative svolte dal Laboratorio AgriSmart:
Il laboratorio AgriSmart è un riferimento regionale per la formazione obbligatoria introdotta dal D.lgs 150/2012, applicazione della Direttiva Europea 2009/128/Ce.

Realizza corsi di formazione:

  •  Per l’abilitazione all’acquisto e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari (utilizzatori professionali); alla vendita (distributori); alla consulenza (consulenti), sulle seguenti tematiche:
    • UF1 – Nozioni legislative ed amministrative
    • UF2 – Nozioni su rischi ambientali e per la salute
    • UF3 – Difesa Integrata
    • UF4 – Nozioni sulle macchine irroratrici
    • UF 6 – Approfondimenti su rischi ambientali e per la salute

 

Sicurezza nell’uso delle macchine agricole (abilitazione alla guida del trattore)

Il laboratorio AgriSmart ha maturato una esperienza pluriennale nell’ambito della ricerca e della formazione relativamente alla sicurezza nell’uso delle macchine agricole. Collabora attivamente con Enti regionali e nazionali per la realizzazione di documenti tecnici per l’applicazione di normative specifiche riguardanti gli aspetti sulla sicurezza delle macchine agricole. Svolge un ruolo di primaria importanza nell’ambito della promozione della cultura della sicurezza in agricoltura, con particolare riferimento all’uso delle macchine agricole.
Le statistiche degli infortuni che si verificano nel comparto agricolo evidenziano come il trattore agricolo forestale rappresenti il principale fattore di rischio per gli operatori. Infatti, gran parte degli infortuni mortali che avvengono ogni anno sono attribuibili all’uso del trattore.
Per tali motivazioni, con l’accordo tra Governo e Regioni pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 60 del 12 marzo 2012, si istituisce una specifica abilitazione per gli utilizzatori del trattore agricolo-forestale, siano essi lavoratori autonomi o dipendenti di aziende agricole. Tale obbligo deriva dal Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (art. 73 comma 4 e 5 D.Lgs 81/08), che prevede l’effettuazione di specifico addestramento per tutte quelle tipologie di macchine considerate ad alto rischio per i lavoratori.
Dal 1 gennaio 2018, infatti, la patente di guida per la conduzione del trattore agricolo-forestale non è più sufficiente, in quanto, rappresenta un requisito esclusivamente per gli aspetti legati alla circolazione stradale. L’abilitazione, invece, si riferisce alle norme specifiche e ai corretti comportamenti nella conduzione del trattore agricolo-forestale.
Tale abilitazione prevede lo svolgimento di un corso di formazione per lavoratori addetti alla conduzione di trattori agricoli e forestali, composto da un modulo giuridico (1 ora), uno tecnico (2 ore) e due pratici (uno per trattori a ruote e uno per trattori a cingoli di 5 ore ciascuno). L’abilitazione ha validità di 5 anni e deve essere rinnovata mediante un corso di aggiornamento di almeno 4 ore.
Il corso viene realizzato presso una struttura che presenta un’aula attrezzata per lo svolgimento della parte teorica ed un’area rappresentata da un piazzale e da un campo prova per l’esecuzione della parte pratica. L’attività viene coordinata e promossa da una agenzia accreditata per il relativo settore formativo.
Dal 1 gennaio 2018, tutti gli operatori che non hanno potuto dimostrare una esperienza pregressa documentata di almeno due anni, come addetti alla conduzione del trattore agricolo e forestale, sono obbligati a conseguire la suddetta abilitazione.
Attività formative svolte dal Laboratorio AgriSmart:
Il laboratorio AgriSmart è un riferimento regionale per la formazione obbligatoria introdotta dal D.lgs 81/2008 e s.m.i. 

Realizza corsi di formazione:

  • per Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza,  Corso per Datori di Lavoro Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione, Corso per lavoratori agricoli, sulle seguenti tematiche:
    • Rischi legati all’impiego del trattore, i principali rischi derivanti dall’uso di macchine agricole: rischi meccanici, esposizione a rumore e vibrazioni, esposizione a rischi elettrici.
    • I Dispositivi di Protezione Individuale, caratteristiche e loro corretto utilizzo.
    • I principali rischi derivanti da attività agricole: rischio meccanico, rischio biologico, esposizione a rumore, utilizzo di attrezzature ed utensili manuali, esposizione a prodotti chimici, movimentazione dei carichi, sovraccarico biomeccanico arti superiori.
    • Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.; cenni normativi, concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, gestione ed organizzazione della prevenzione a livello aziendale;
    • La normativa nazionale e comunitaria relativa alle macchine agricole
  • Per l’abilitazione alla guida del trattore, macchine movimento terra e carrelli elevatori
  • Degli studenti della Scuola di Agraria (Università degli Studi di Firenze) ai sensi dell'articolo 37, comma 2 del decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81, e successive modifiche e integrazioni", sulle seguenti tematiche:
    •  Ferite da taglio,
    • Gestione delle emergenze e Dispositivi di protezione,
    • Rischi da esposizione a rumore e vibrazione,
    • Rischio biologico,
    • Rischio chimico,
    • Cadute dall’alto

 
foto 1 . Corso di abilitazione guida trattore: Modulo teorico di 3 ore in aula, che si svolge con proiezione di diapositive sugli argomenti previsti dalla normativa di riferimento. Partendo dalle casistiche degli infortuni verificatisi negli anni passati vengono affrontate tutte le principali problematiche riguardanti la conduzione del trattore agricolo forestale.
foto 2. Corso di abilitazione guida trattore: Modulo pratico parte prima – Visione della macchina impiegata nel corso e spiegazione tecnica di tutti i principali comandi

foto 3. Corso di abilitazione guida trattore: Modulo pratico parte prima – Dimostrazione pratica del comportamento del trattore cingolato in determinate condizioni di guida

foto 4. Corso di abilitazione guida trattore: Modulo pratico guida trattore – realizzazione del percorso previsto dai docenti mediante trattore gommato + rimorchio agricolo. Tra le prove da superare sono previste: il riconoscimento dei comandi del trattore, l’affronto di una salita con arresto e successiva partenza, la sterzata stretta in curva e la retromarcia finale per ritornare alla posizione di partenza. L’obiettivo principale è quello di presentare ai discenti i principali fattori di rischio derivanti da un accoppiamento trainato, istruendoli e sensibilizzandoli alla conoscenza dei pericoli per un corretto impiego della macchina.

foto 5. Corso di abilitazione guida trattore: Modulo pratico guida trattore – La prova di guida del trattore cingolato prevede, ad esempio, l’esecuzione della trinciatura di una parte del campo caratterizzato da pendenze e contropendenze. I discenti devono riconoscere i comandi principali del trattore, sollevare/abbassare ed azionare la macchina operatrice (trinciatrice), eseguire l’operazione colturale, ritornare alla posizione di partenza.

 

 
ultimo aggiornamento: 16-Mar-2018
Unifi Dipartimento di Scienze e Tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali Home page

Inizio pagina